• Progetto Sorriso

La sensibilità dentinale

Se provi sensibilità o dolore ai denti quando assumi dei liquidi o dei cibi freddi, caldi, dolci o molto acidi allora soffri di sensibilità dentinale.

La sensibilità dentinale è molto comune e si stima che ne soffra una persona su due. Inoltre, può comparire e scomparire più volte nel corso del tempo.


La causa principale è l'esposizione delle radici dei denti, sia nel caso di abbassamento della gengiva (recessione gengivale) sia nel caso di malattia parodontale. Le recessioni gengivali sono molto comuni e sono presenti nella maggior parte delle persone già prima dei 65 anni.


Altre cause possono essere sia spazzolare i denti con forza eccessiva sia utilizzare spazzolini troppo duri che causano l'abrasione dello smalto e quindi espongono la dentina. Anche l’acidità nel cavo orale in pazienti che consumano abitualmente bevande o alimenti acidi o zuccherati può causare un aumento di sensibilità.


Una buona igiene orale è fondamentale per prevenire le recessioni gengivali e la malattia parodontale. Una dieta non acida e l'adoperare spazzolini in maniera delicata aiutano a prevenirla. Ignorare dei denti sensibili può portare a problemi orali più gravi, specie se per colpa del fastidio si trascura l’igiene.


È importante dire al dentista o all'igienista se hai dei denti sensibili, così che possa controllare la tua bocca, verificare che il problema sia effettivamente la sensibilità dentinale ed aiutarti a scegliere il miglior trattamento. La comparsa di dolore dopo l'assunzione di certi cibi o liquidi può essere dovuta anche alla presenza di carie, ed in tal caso il dentista provvederà a rimuoverla e a sostituirla con un'otturazione.

4 visualizzazioni0 commenti